“A Collection”, in mostra gli arazzi in plastica riciclata

Written by | News, Plastica, Riciclo

Partita da Torino il 31 ottobre “A collection”, la prima tappa di un grande progetto che intreccia la ricerca contemporanea di giovani artisti del panorama italiano alla visione creativa delle nuove tecniche di tessitura.

Il progetto prende forma in 10+1 grandi arazzi contemporanei realizzati con straordinari filati ottenuti dalla lavorazione della plastica riciclata.
Un’operazione che afferma come sia possibile, con la ricerca tecnologica e la creatività, unire l’attenzione per l’ambiente alla produzione di opere d’arte realizzando, da un prodotto considerato rifiuto, un oggetto di lusso in quanto opera d’arte.

Il progetto è la materializzazione di un semplice principio: i filati ottenuti dal riciclo della plastica, grazie alle loro infinite cromie, possono comporre arazzi dettagliati e raffinatissimi. La plastica, proveniente per lo più dalle bottigliette abbandonate e recuperate, viene lavorata mediante un processo meccanico di fusione e filatura. La trasformazione della cosiddetta materia prima-seconda è condotta in maniera ecologia, sostenibile e produttiva e procede fino allo stadio finale in cui delicati sistemi di manipolazione consentono di ottenere filati che simulano alla perfezione quelli di origine naturale, anzi, le loro caratteristiche ne sono ulteriormente valorizzate.

Questo processo, che ha richiesto anni di studio, è ora messo al servizio della produzione artistica contemporanea e si configura come un nuovo linguaggio per la realizzazione di opere d’arte inedite.
Nel capoluogo piemontese, l’esposizione durerà fino al 15 dicembre, prima di proseguire verso altre destinazioni (il progetto proseguirà nei prossimi anni). A latere della mostra, un intenso programma di eventi, realizzato grazie al coinvolgimento delle istituzioni culturali del territorio, che metterà a fuoco i temi che ruotano intorno alla mostra: arte, sostenibilità, economia circolare e innovazione.

Last modified: 7 novembre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *